Skip to main content

Si chiama SA8000 o, più compiutamente, SA8000:2014 Social Accountability ed è lo standard certificabile sulla responsabilità sociale d’impresa più diffuso a livello Internazionale.
La norma punta a definire un sistema di gestione atto a garantire la tutela dei diritti fondamentali dei lavoratori, proponendosi allo stesso tempo di coinvolgere il personale in un approccio sistemico tale da assicurare condizioni di lavoro dignitose e, in senso più ampio, un ambiente di lavoro idoneo a favorire il coinvolgimento, la capacità di ascolto e il miglioramento continuo.

Nel perseguimento di tali obiettivi, la norma sostiene l’estensione delle tutele dei lavoratori a tutte le aziende della catena di fornitura o, almeno, a quelle più rilevanti per l’organizzazione, assicurandone il controllo ed il coinvolgimento e promuovendo il miglioramento delle prestazioni sociali delle stesse.

Un lavoro dignitoso ovunque

La Norma SA8000 per la Certificazione della Responsabilità Sociale contiene i requisiti sociali orientati all’aumento della capacità competitiva di quelle organizzazioni che volontariamente forniscono garanzia di eticità della propria filiera produttiva e del proprio ciclo produttivo.
Lo standard nasce nel 1997 ad opera del SAI (Social Accountability International), un’organizzazione non governativa internazionale con sede negli Stati Uniti che promuove i diritti umani sul lavoro.
La visione del SAI si sostanzia nel concetto di un lavoro dignitoso ovunque e nell’idea che luoghi di lavoro sani, sicuri e coerenti con i principi di responsabilità sociale avvantaggino anche l’impresa.

SDGs Agenda 2030: obiettivo 8

La norma, la cui quarta e ultima revisione è datata 2014, può essere applicata ad aziende di qualsiasi dei vari paesi. Si sviluppa secondo l’approccio basato sulla valutazione dei rischi aziendali in materia sociale e la conseguente definizione di un piano di azioni coerenti con la propria sfera di influenza e il contesto di riferimento.

Il Social Performance Team

Lo standard prevede la costituzione di un gruppo interno all’azienda, il Social Performance Team (SPT), composto da lavoratori e membri della direzione in modo da rappresentare con equilibrio tutte le categorie di dipendenti/collaboratori dell’azienda. La sua funzione principale è quella di monitorare la social performance dell’azienda e di promuoverne il costante miglioramento.

Il Social Performance Team ha il compito di guidare e coordinare le diverse funzioni deputate a garantire la conformità con i requisiti della norma e chiamate in particolare a effettuare analisi periodiche dei rischi sociali, proponendo al management le azioni da portare avanti in base agli impatti che tali rischi possono generare.

Il Social Performance Team ha inoltre funzioni di controllo sulle azioni adottate e i risultati raggiunti. Il fine ultimo è fare in modo che il processo di analisi delle cause e delle azioni da intraprendere sia condiviso con tutta l’organizzazione e, per quanto utile e possibile, con l’intera catena di fornitura.
Questo approccio si concretizza nell’implementazione di un sistema di monitoraggio interno esteso anche ai fornitori, che permette all’organizzazione di individuare le tematiche sociali più critiche e definire le azioni da intraprendere secondo un ordine coerente di priorità.
Operando in questo modo, l’azienda è in grado di analizzare tutti i rischi sociali – non solo, quindi, quelli legati alla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro – e di implementare un sistema di prevenzione, controllo e miglioramento adeguato ai propri processi.

Otto requisiti fondamentali

Lo standard prevede la soddisfazione di 8 requisiti chiave:

  • lavoro infantile
  • lavoro obbligato
  • salute e sicurezza sui luoghi di lavoro
  • libertà di associazione e diritto alla contrattazione collettiva
  • discriminazione
  • procedure disciplinari
  • orario di lavoro
  • criteri retributivi
SA8000 Corporate Social Responsibility

I requisiti previsti dalla norma SA8000 sono in linea con le Convezioni Internazionali ILO, con la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani e con la Convenzione sui Diritti del Bambino e contro ogni forma di discriminazione nei confronti delle donne.

Come certificarsi SA8000?

I passaggi necessari per implementare un sistema di gestione della responsabilità sociale secondo la norma SA800:2014 sono i seguenti:

  • commitment dei vertici ed emissione della Politica sulla Responsabilità Sociale;
  • definizione di un piano di formazione per sensibilizzare l’organizzazione e accrescere la consapevolezza rispetto ai temi della responsabilità sociale;
  • costituzione del Social Performance Team che si occupa di coordinare le attività e garantire il raggiungimento degli obiettivi di lavoro del gruppo;
  • analisi del contesto interno finalizzato all’individuazione degli stakeholder, dei loro bisogni e aspettative, nonché delle modalità di coinvolgimento rispetto ai temi proposti dalla SA8000;
  • individuazione dei rischi sociali, con definizione di un piano di azione proporzionato e coerente;
  • definizione di politiche per la gestione della salute e dei rischi sul lavoro;
  • definizione di politiche per la gestione del personale;
  • analisi della catena di fornitura e strategia di coinvolgimento e monitoraggio;
  • scelta degli indicatori sociali per il monitoraggio;
  • rendicontazione;
  • assessment Social Finger Print da eseguire su piattaforma SAI;
  • audit di certificazione di un Ente di parte terza accreditato da SAAS (Social Accountability Accreditation Services), costituito all’interno del SAI.

Le opportunità per le imprese

La certificazione SA8000 offre alle imprese diversi vantaggi. Li elenchiamo a seguire in estrema sintesi.

  • Tutela della reputazione dell’azienda e mitigazione dei rischi, soprattutto in presenza di supply chain estese anche in aree a forte rischio sociale.
  • Opportunità di vigilare sul comportamento sociale della filiera.
  • Miglioramento delle relazioni interne con i lavoratori e le loro rappresentanze.
  • Maggiore attrattività per le risorse umane più qualificate.
  • Miglioramento dell’immagine presso le parti interessate.
  • Possibilità di conseguire punteggi premiali nella partecipazione a gare pubbliche.
  • Possibilità di migliorare il proprio rating di legalità, secondo il regolamento dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM).
  • Garanzia di sostenibilità del business dal punto di vista sociale.

A fine 2020, erano circa 4.500 le organizzazioni certificate SA8000 in rappresentanza di 61 Paesi, per un totale di 2,2 milioni di lavoratori impiegati. Il paese che conta il numero maggiore di certificazioni è da molto tempo l’Italia, con un distacco significativo rispetto agli altri Paesi.