Process Factory

You Are Viewing

ISTITUTI DI VIGILANZA PRIVATI: COUNT DOWN PER LE CERTIFICAZIONI

Vigilanza

A settembre, è ufficialmente entrato in vigore il Decreto del Ministero dell’Interno n.115 del 4 giugno 2014 che disciplina le caratteristiche e i requisiti di certificazione degli istituti di vigilanza privati. I servizi, gli impianti e i professionisti di detti istituti dovranno essere accompagnati d’ora in avanti da un certificato di conformità alle norme applicabili da un Organismo di Certificazione.

Il provvedimento stabilisce che tali Organismi siano accreditati da un ente come ACCREDIA, designato ai sensi del Regolamento n.765/2008, in conformità ai seguenti standard internazionali:

  • UNI CEI EN ISO/IEC 17065 (prodotto) per la certificazione degli istituti di vigilanza e dei relativi servizi ai sensi della norma UNI 10891
  • UNI CEI EN ISO/IEC 17065 (prodotto) per la certificazione delle centrali operative e di telesorveglianza ai sensi della norma UNI CEI EN 50518 “Centro di monitoraggio e di ricezione di allarme”
  • UNI CEI EN ISO/IEC 17024 (personale) per la certificazione dei professionisti della security ai sensi della UNI 10459 “Funzioni e profilo del professionista della security aziendale”.

ACCREDIA, insieme a tutte le parti interessate, sta collaborando all’elaborazione delle regole di certificazione e accreditamento. La verifica di conformità comprenderà anche una valutazione del rispetto delle leggi applicabili, con particolare riferimento al Decreto Ministro dell’Interno n. 269/2010.

Verrà infine definito un periodo transitorio per l’adeguamento delle certificazioni e degli accreditamenti rilasciati prima del Decreto in oggetto.

In allegato, il Decreto del Ministero dell’Interno n.115 del 4 giugno 2014.